Chi Siamo

Messaggio di benvenuto

È con grande gioia che vi accogliamo nel sito della nostra Chiesa internazionale! Nella nostra breve storia come Chiesa a partire dalla metà del 1990, noi come sacerdoti e laici della Chiesa cattolica romana e altri riti cattolici siamo alla ricerca di riforme e rinnovamento nelle
Chiese, cercando il dialogo ecumenico attivo, promuoviamo l’unità fra le Chiese cristiane.
Attraverso un momento di preghiera e di riflessione, abbiamo scritto il “Manifesto” della nostra chiesa nel 1999. Da allora la nostra Chiesa è cresciuta in tutto il mondo, perché offriamo una Chiesa cattolica alternativa. I nostri uomini e le donne del clero che sono Vescovi, sacerdoti, diaconi, religiosi e ministri laici sono attivamente coinvolti nella pastorale a servizio di tutto il popolo di Dio che vive con Cristo in mezzo a noi come una nuova creazione in Cristo. Nella Caritas Christi, sposati, clero celibe, e ministri laici servono sotto la guida del Santo Spirito come era pratica comune per più di mille anni nella Chiesa.
I nostri missionari stanno costruendo nuove comunità, al servizio dei poveri, visitando i malati, tutte le persone provenienti da tutti i ceti sociali che cercano un rinnovamento spirituale, la guarigione, anche essere coinvolti nella formazione, offrendo ritiri spirituali, e ampliando i nostri orfanotrofi in tutto il mondo.

Nel 2010, abbiamo acquisito la Chiesa cattolica romana di Sant’Antonio a Detroit, ed è diventata la nostra Cattedrale delle sedi internazionali. Come il Signore disse: “Venite e vedrete”, vi invitiamo a leggere il nostro “Manifesto”, e scoprire le nostre comunità in tutto il mondo in cui i cattolici e cristiani di diversi riti si incontrano, cercando e vivendo l’Unità nelle cose Essenziali e la diversità in quelle non essenziali. Celebriamo le liturgie sacre secondo il Novus Ordo, in diverse tradizioni cattoliche, e dove richiesto anche la messa in latino. L’Arcivescovo Karl è anche un Consulente per il movimento romano cattolico Worldwide (oltre 4
milioni di forze) per il rinnovo. Una lettera firmata è stata inviata a Papa Francesco il 1 ° novembre 2013. Siamo anche coinvolti con la Detroit Gathering del clero,nella lotta per la giustizia sociale e l’uguaglianza nella nostra società. La nostra Abbazia Cattedrale di S. Antonio è anche un membro del movimento cattolico romano di “elefanti in Living Room”, che cerca di mantenere in vita le idee e le questioni di riforma del Concilio Vaticano II, in cerca di dialogo attivo e di riforma. Venite a vedere la nostra Chiesa! Ovunque ci si trovi in questo mondo, e qualsiasi sia la vostra lotta nella vita, siete i benvenuti nella
nostra Chiesa! Nello Spirito di unità e di amore mando, a voi e ai vostri cari, le nostre preghiere e benedizioni.

 

Spiegazione dello stemma Internazionale della ECCC

Si è ricavato dalla lettera agi Efesini 1:10 ed esprime il desiderio della nostra chiesa a lottare per l’unità fra tutte le chiese con la preghiera e i dialogo aperto. Sul fondo dello stemma compare il simbolo di Cristo, Christos (le due lettere dal greco, Chi e Rho, che significa “Cristo”). Cristo, anche l’Alfa e l’Omega (inizio fine)
.
Il Figlio di Dio, che porta salvezza, è colui che invita tutte le persone su questa terra (si guardi la parte superiore dello stemma) a tornare a Dio, il creatore dell’Universo. La banda dei fleur de lis, ( fiore del giglio), un segno araldico di innocenza mediante il quale Cristo opera attraverso di noi in tutto il mondo come si vede nella metà superiore dello stemma.

 

In cima allo stemma si vede al centro il segno della croce per indicare che siamo salvati attraverso il sacrificio di Gesù Cristo sulla croce; sul lato sinistro e destro vediamo le mani in preghiera che simboleggiano il culto di tutte le persone che insieme unite con Cristo al centro lo lodano per la nostra salvezza. Sopra vediamo lo Spirito Santo che ha dato alla luce la chiesa, e per mezzo dello Spirito Santo la Chiesa ha sperimentato le riforme nel corso dei secoli.

I santi Sergio e Bacco erano, secondo l’agiografia cristiana, due soldati dell’esercito romano di religione cristiana, stanziati in Oriente e che avevano un’alta posizione presso la corte di Massimino Daia, tetrarca d’Oriente dal 305; i due furono denunciati da nemici invidiosi e quando si rifiutarono di sacrificare a Giove furono martirizzati. I dettagli dell’agiografia spingono a collocare il martirio nell’ambito della terribile persecuzione anticristiana (l’ultima, peraltro) scatenata dai tetrarchi in quegli anni, per iniziativa di Diocleziano e specialmente in Oriente. Esso avvenne nell’anno 303 in Siria, a Resafa (Sergio) e nel castrum di Barbalissa (Bacco). La tradizione è prodiga di dettagli riguardo alle modalità con cui i due martiri furono uccisi. Bacco sarebbe stato flagellato a morte, mentre Sergio sarebbe stato costretto a fare il giro dei castra della zona camminando con chiodi confitti nei piedi, e infine sarebbe stato decapitato. La cosa che balza agli occhi però è che entrambi, come prima cosa, furono costretti a sfilare davanti alla popolazione vestiti da donna e a subire il dileggio generale

 

Dignità e rispetto verso le minoranze

 

Con la stragrande maggioranza dei cristiani e i  fratelli e sorelle di altre religioni affermiamo: Poiché Dio è il creatore della vita, rispettiamo la santità della vita e la dignità di ogni essere umano nato in questo mondo. Noi manifestiamo il diritto morale di ogni persona di perseguire una vita soddisfacente  nella società. Rifiutiamo tutti gli stereotipi faziosi, odiamo la propaganda, e l’incitamento alla violenza nei confronti delle minoranze, causato da ignoranza, false paure, e l’estremismo. Chiediamo tutela giuridica e la necessità di una coscienza più informata.

il Manifesto

 

Forum di dialogo

 

Poichè  attraverso Suo Figlio, Gesù Cristo, nostro Signore e Salvatore, Dio ha fatto l’ultimo sacrificio nella pienezza del tempo per tutta la creazione, noi crediamo che la salvezza di Dio è offerta a tutti nella loro unità e  nella diversità.

“Venerati Fratelli, tale è lo scopo del Concilio Ecumenico Vaticano II, che, pur riunendo le migliori energie della Chiesa e cercando che  gli uomini accolgano più favorevolmente la buona novella della salvezza, prepara, per così dire e consolida il cammino verso l’unità del genere umano che è richiesto come necessario fondamento, in modo che la città terrena possa  essere a somiglianza di quella città celeste dove la verità regna, la carità è la legge, e la cui esistenza è l’eternità “(cfr S. Agostino, Epistola 138 , 3).

(Dal Discorso di apertura del Beato Papa Giovanni XXIII al Concilio Vaticano II, 11 ottobre 1962)

Miami, Florida, Anno Domini 1999/2007

 

Sommario

 

  1. Introduzione: La Chiesa cattolica ecumenica di Cristo ……… ….. 3-4
  2. Il Manifesto della Chiesa Cattolica Ecumenica di Cristo … …. 5-10

III. Un forum di dialogo per la revisione della legge Canone Romano

(CIC) e canoni di altri riti cattolici ……………………………. 11-13

 

  1. Introduzione:

La Chiesa cattolica ecumenica di Cristo

 

+ Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Per i Vescovi, sacerdoti, diaconi, popolo santo di Dio delle Chiese cattoliche di Cristo, e tutte le persone di buona volontà.

La Chiesa cattolica  ecumenica di Cristo è parte della Chiesa una, santa cattolica e apostolica, il Corpo mistico di Cristo. La Chiesa cattolica ecumenica di Cristo è parte di un movimento mondiale di milioni di cattolici e membri di diversi riti cattolici che, attraverso la preghiera e il dialogo è alla ricerca di unità con tutte le Chiese cattoliche e cristiane, le riforme all’interno del rito cattolico e altri riti cattolici.

“È di assoluta importanza per il ripristino di una nuova comunità; questo non può essere rinviato  a dopo, o spinto fino alla fine del tempo. “Frère Roger, priore di Taizé, in Francia. (In:…. Frère Roger, Taizé Living Trust Christian Feldmann, Herder Verlag Freiburg i Brisgovia 2005, p 70.)

_______________________________________________________________________________________________

Siamo consapevoli che, “No, non è possibile attirare l’Unità fuori da negoziati o attraverso accordi legali, si deve cominciare a viverla, a passi di coraggio, in piccole celle, i testi verranno dopo.” (Ibid. 66)

La Chiesa cattolica ecumenica  di Cristo offre una pastorale che incorpora entrambe le realtà divine e umane per il benessere spirituale di tutti i cattolici e tutte le persone di buona volontà che condividono la comunione di Gesù Cristo. Noi crediamo che l’amore e la compassione di Dio si estendano a tutti senza eccezione. Questa visione inclusiva di Dio è centrale nella definizione del ministero della nostra Chiesa: fornire un luogo di guarigione, servire i poveri e gli ammalati, raggiungendo  coloro che sono stati respinti dalla società, e lotta per la giustizia sociale.

Noi crediamo che una coscienza informata basata sugli insegnamenti della Sacra Scrittura, gli elementi dinamici della tradizione, e l’esperienza umana e intuizione, siano la base su cui la gente può cercare la verità e la giustizia di Dio, dare prova di compassione, ed esprimere amore incondizionato per Dio e gli altri esseri umani. Noi proclamiamo la dignità sacra di tutte le persone, da quando sono stati creati nella ricca diversità del nostro Dio amorevole.

Chiediamo la formazione di un forum di tutti i riti cattolici per discutere la modifica delle linee guida generali del Codex Iuris Canonici (diritto canonico) della Chiesa cattolica romana e i  Canoni di altri riti cattolici in modo da riflettere la realtà della comprensione del cristianesimo post-moderno che lo Spirito Santo è all’opera in tutti i riti cattolici e apostolici. Perché noi immaginiamo la revisione delle diverse leggi canoniche in modo da essere applicabili a tutte le Chiese cattoliche, incoraggiamo tutti i riti cattolici a collaborare di più gli uni  con gli altri.

“Dobbiamo arrivare a conoscere le prospettive dei nostri fratelli separati. Per raggiungere questo scopo, lo studio è necessariamente richiesto, e questo deve essere perseguito con un senso di realismo e di buona volontà. I cattolici, che hanno già una preparazione adeguata, hanno bisogno di acquisire una più adeguata comprensione delle rispettive dottrine dei nostri fratelli separati, la loro storia, la loro vita spirituale e liturgica, la loro psicologia religiosa e lo sfondo generale. Più prezioso per questo scopo sono incontri delle due parti, soprattutto per la discussione di teologiche problemi a cui ognuno può trattare con l’altro su un piano di parità, a condizione che coloro che prendono parte a loro sono veramente competenti e avere l’approvazione dei vescovi. Da questo dialogo emergeranno ancora più chiaramente quale sia la situazione della Chiesa cattolica è in realtà. In questo modo anche le prospettive dei nostri fratelli separati saranno meglio comprese, e la nostra convinzione più propriamente spiegata. “(Vaticanum II, Decreto sull’ecumenismo capitolo II, 9)

Con la presente testimoniamo, con la nostra mano e il sigillo, che questo documento è stato approvato all’unanimità dai membri della Chiesa Cattolica Ecumenica di Cristo.

Dato nella solennità degli Apostoli Pietro e Paolo, nell’anno del nostro Signore, 1999, rivisto in occasione della festa degli Arcangeli, nell’anno del nostro Signore, MMVII a Miami, Florida, USA.

servus Christi

++ Dr. Karl Rodig

Primate ecumenico

 

  1. Il Manifesto della Chiesa Cattolica Ecumenica di Cristo

II.1. Successione apostolica, l’Ordine e Sacramenti

La Chiesa cattolica ecumenica  di Cristo è parte della comunità mondiale di chiese cattoliche che insieme compongono l’una, santa cattolica e apostolica chiesa con Gesù Cristo come suo fondamento. Come cattolici ecumenici, abbiamo conservato la validità degli ordini sacri per la carica di vescovi, sacerdoti e diaconi attraverso la successione apostolica derivata dalla Chiesa cattolica romana, la Chiesa di Antiochia, e la Chiesa vetero-cattolica.

“Le Chiese che, pur non essendo in perfetta comunione con la Chiesa Cattolica, restano unite ad essa per mezzo di strettissimi vincoli, quali la successione apostolica e la valida Eucaristia, sono vere Chiese particolari”. (Vaticano: Dichiarazione, Dominus Gesù IV. 17, 6 Agosto 2000)

Teniamo a convinzione che i sette sacramenti (Battesimo, Confermazione, l’Eucaristia, la riconciliazione, unzione degli infermi, l’ordinazione, e il matrimonio) sono parte della nostra realtà religiosa, data la grazia di Dio per la nostra salvezza dal potere dello Spirito Spirito.

Noi celebriamo i sacramenti come parte del desiderio del Signore che ha di  santificare le nostre vite; servire in questo mondo come catalizzatori spirituali; brillare come una luce sul candelabro; e di essere il sale della terra, preparandoci ad entrare nel Suo Regno. Riconoscendo l’importanza dei sette sacramenti, li offriamo a tutti i cattolici sinceri.

 

  1. 2. L’impegno per la tradizione

I membri della Chiesa cattolica ecumenica di Cristo sono cattolici provenienti dalla Chiesa cattolica romana, da altri riti cattolici, cristiani di buona volontà che si sforzano per l’unità in tutto il mondo e nella ricerca di riforme comuni, aderendo agli insegnamenti generali dei concili della Chiesa sotto la guida dello Spirito Santo, che ci fa anche a credere che: “Ecclesia semper reformanda est” (la Chiesa ha sempre bisogno di una riforma).

“Chiamata da Cristo che la vuole Chiesa in  continua riforma qui sulla terra. La Chiesa ha sempre bisogno di questo, nella misura in cui essa è un’istituzione di uomini qui sulla terra. Così, se, in circostanze e tempi diversi, ci sono state carenze nella condotta morale o di disciplina della chiesa, o anche nel modo in cui l’insegnamento della chiesa è stato formulato per  essere attentamente distinto dal deposito della fede stessa, questi possono e devono essere impostati giusto al momento opportuno. “(Vaticanum II, decreto sull’ecumenismo capitolo II.6)

Teniamo al processo dinamico di riforme che lo Spirito Santo esprime nella “Sensus fidelium” (il senso dei fedeli), che dà alla comunità dei fedeli la sua credibilità. Ci atteniamo ai tesori della tradizione, derivati ​​dalla Sacra Scrittura, l’insegnamento di Cristo, e gli insegnamenti delle chiese cattoliche nel corso della storia, fintanto che continuano a fornire orientamenti dignitosi per le comunità della Chiesa. Siamo uniti a elementi essenziali, avendo la diversità nei non essenziali, e soprattutto siamo uniti nella carità.

“Tutto nella Chiesa deve preservare l’unità nelle cose essenziali. Ma lasciare che tutto, secondo i doni che ha ricevuto godono di una libertà adeguata, nelle loro varie forme di vita spirituale e di disciplina, nei  diversi riti liturgici, e anche nelle elaborazioni teologiche della verità rivelata. In tutte le cose lasciate prevalere la carità. Se ci si attiene a questa linea di condotta, si darà sempre meglio espressione alla cattolicità autentica e apostolicità della Chiesa “. (Vatic. II, Decreto Ecum., Cap. I, 4)

Con tutti i nostri fratelli e sorelle cristiani di tutto il mondo, condividiamo la comunione di Gesù Cristo, nostro Redentore. Dichiariamo il nostro sostegno al Santo Padre (Il Vescovo di Roma), come  “primus inter pares” (il primo tra uguali) per unire la Chiesa nella fede. Possa egli guidare la Chiesa con dirigenti della Chiesa su una base collegiale.

 

II.3. In uno spirito ecumenico

La Chiesa  cattolica ecumenica di Cristo sostiene gli sforzi di riforma di milioni di cattolici in tutto il mondo che hanno firmato petizioni in Vaticano per le riforme nella Chiesa romana e cattolici di altri riti che cercano le riforme nelle loro chiese che servono il desiderio per l’Unità:

la comunione – intercomunione con tutti i riti cattolici che hanno successione apostolica, la condivisione della sacra tradizione, e hanno la stessa teologia dei sacramenti.

-La Scelta dei sacerdoti sia di sposarsi o di vivere una vita di celibato sia libera e incondizionata.

-Ordinazione delle donne

-La Coinvolgimento e partecipazione dei laici nella gestione della Chiesa.

-Inclusione della Santa Comunione per le persone divorziate risposate

-Più autonomia per le diocesi.

-Il Elezione dei vescovi da parte del clero e laici, come era consuetudine sin dai primi secoli della Chiesa.

-Più Collegialità tra i vescovi e laici rappresentanti delle chiese  locali.

-maggiore enfasi Sul Vangelo che chiede giustizia sociale per i poveri, e inclusione di quelli che sono stati rifiutati dalla società.

-La Revisione del processo di scomunica.

 

II.4. Revisione necessaria di diritto canonico

La Chiesa cattolica ecumenica di Cristo segue, in generale, osserva le indicazioni del Codice di Diritto Canonico, ma chiede importanti adattamenti come osservato in precedenza (n. II.3). Presagendo la chiamata  per le riforme (l’alba di un nuovo giorno) che il Beato Papa Giovanni XXIII, ha proclamato, ci invita a leggere i segni dei tempi che tutti i cattolici e cristiani di altre Chiese possono interpretare come chiamata di Dio per il rinnovo di tutto il suo popolo.

Ricordiamo le parole del Beato Giovanni XXIII:

“La più grande preoccupazione del Concilio Ecumenico è questa: che il sacro deposito della dottrina cristiana sia custodito e insegnato più efficacemente. Questa dottrina abbraccia tutto l’uomo, composta com’è di corpo e anima. E, dal momento che è un pellegrino su questa terra,  tende sempre verso il cielo. Questo dimostra come la nostra vita mortale deve essere ordinata in modo tale da soddisfare i nostri doveri di cittadini della terra e del cielo, e, quindi, per raggiungere lo scopo della vita, come stabilito da Dio … La sostanza dell’antica dottrina del deposito della fede è una cosa, e il modo in cui viene presentato un altra. Ed è quest’ultimo che deve essere preso in grande considerazione con pazienza, se necessario, tutto ciò che viene misurato nelle forme e proporzioni di un magistero che è prevalentemente di carattere pastorale. … Il Concilio ora cominciando  nella Chiesa, come l’alba, precursore della più splendida luce. È ora solo all’alba. E già a questo primo annuncio del giorno nascente, quanta dolcezza riempie il nostro cuore … e tu, seguendo l’ispirazione dello Spirito Santo, in modo che il lavoro di tutti può corrispondere alle aspettative moderne e le esigenze dei vari popoli del mondo . “(discorso di apertura del Vaticanum II, 11 ottobre 1962)

 

II.5. Carità e Amore

Perché attraverso Suo Figlio, Gesù Cristo, nostro Signore e Salvatore, Dio ha fatto l’ultimo sacrificio nella pienezza del tempo per tutta la creazione, noi crediamo che la salvezza di Dio è offerta a tutti in ogni tempo e luogo per la guarigione e una vita di unità nella diversità.

I due principi, “Caritas enim Christi urget nos” (L’amore di Cristo ci spinge) e “Ubi caritas et amor, Deus ibi est” (Dove c’è carità e amore, lì c’è Dio), siano la  guida per il nostro servizio verso tutte le persone bisognose. Le nostre missioni in tutto il mondo stanno aiutando i poveri e i respinti, in particolare i bambini di strada abbandonati, rendendo concreto per loro le estensioni di amore abbondante di Dio. Come cristiani cattolici stiamo servendo con compassione e vigore tutti coloro che cercano Dio, il desiderio di rinnovamento spirituale, il vivere in dignità, e cercare un luogo di guarigione.

Poiché l’amore di Dio e l’amore del prossimo sono i comandamenti essenziali da cui tutta la legge dipende, esprimiamo il nostro solenne desiderio di servire tutto il popolo di Dio, esprimendo “l’amore senza giudizio.”

 

II.6. Unità e solidarietà

La Chiesa cattolica ecumenica  di Cristo cerca, attraverso la preghiera e il dialogo nello Spirito Santo, l’unità e la solidarietà tra tutti i cattolici e gli altri cristiani. Estendiamo la mano della pace e della solidarietà agli altri credenti e, in particolare ai nostri fratelli e sorelle nel giudaismo. Il nostro desiderio di unità si basa sul proprio desiderio e la preghiera del Signore:

“Che tutti siano uno, come, tu  Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi uno” (Gv 17,21).

Le parole di Vaticanum II sono ancora oggi di grande importanza:

“Oggi, in molte parti del mondo, sotto la grazia ispiratrice dello Spirito Santo, molti sforzi sono stati fatti nella preghiera, la parola e l’azione per raggiungere quella pienezza di unità che Gesù Cristo desidera. Il sacro concilio esorta tutti i fedeli cattolici a riconoscere i segni dei tempi e a prendere parte attiva e intelligente nel lavoro di ecumenismo “.

“Il termine ‘movimento ecumenico’ indica le iniziative e le attività programmate e intraprese, secondo le varie necessità della Chiesa e come opportunità offerta, per promuovere l’unità dei cristiani. Questi sono: in primo luogo, ogni sforzo per evitare espressioni, giudizi e le azioni che non rappresentano la condizione dei fratelli separati con la verità e correttezza e così rendono le mutue relazioni  più difficili; poi, ‘dialogo’ tra esperti competenti di diverse Chiese e Comunità. In queste riunioni, che sono organizzate in uno spirito religioso, ogni realtà spiega l’insegnamento della sua comunione in modo più approfondito e porta chiaramente le sue caratteristiche distintive. In tale dialogo, ognuno guadagna una conoscenza più vera e più giusta stima della dottrina e della vita di entrambe le Comunioni. Inoltre, il modo in cui è preparato per la cooperazione tra loro nei compiti per il bene comune dell’umanità, che sono stabiliti da ogni coscienza cristiana; e, laddove ciò sia consentito, vi è la preghiera in comune. Infine, tutti sono portati a esaminare la loro fedeltà alla volontà di Cristo per la Chiesa e di conseguenza per intraprendere con vigore l’opera di rinnovamento e di riforma. Il raggiungimento dell’ unione è la preoccupazione di tutta la Chiesa, fedeli e pastori. Questa preoccupazione si estende a tutti, secondo il suo talento, sia che si esercita nella vita cristiana di ogni giorno quanto negli studi teologici e storici. Questa preoccupazione  manifesta già in qualche modo il legame di fratellanza tra tutti i cristiani e aiuta verso quella piena e perfetta unità che Dio, nella sua bontà vuole. “

“Non ci può essere ecumenismo degno di questo nome, senza un cambiamento del cuore. Perché è dal rinnovamento della vita interiore della nostra mente, dalla negazione di sé e un amore incondizionato che il desiderio dell’unità nasce e si sviluppa in modo maturo. Dobbiamo quindi pregare lo Spirito Santo per la grazia di una  sincera abnegazione, dell’umiltà e mansuetudine nel servizio degli altri, e di avere un atteggiamento di generosità fraterna nei loro confronti. San Paolo dice: ‘Io, quindi, prigioniero del Signore, vi prego di comportarvi in ​​maniera degna della vocazione che avete ricevuto, con ogni umiltà, mansuetudine e pazienza, sopportandovi a vicenda con amore, cercando di conservare l’unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace ‘. Questa esortazione è rivolta in particolare a coloro che sono chiamati agli ordini sacri affinchè  l’opera di Cristo possa essere continuata. Egli è venuto in mezzo a noi ‘non per essere servito, ma per servire’ “.

“Le parole di San Giovanni tengono bene sui peccati contro l’unità: ‘Se diciamo che non abbiamo peccato, siamo bugiardi, e la sua parola non è in noi’. Così umilmente chiediamo perdono a Dio e ai nostri fratelli separati, proprio come noi li rimettiamo contro di noi. Tutti i fedeli devono ricordare che più è lo sforzo che fanno per vivere una vita più conforme al Vangelo, migliore sarà l’unità che i cristiani mettono in pratica. Per tanto più sarà  la loro unione con il Padre, la Parola e lo Spirito, più intima e facile sarà l’ azione per crescere nell’amore reciproco e fraterno “.

“Questa conversione del cuore e la santità della vita, insieme con le preghiere private e pubbliche per l’unità dei cristiani, devono essere considerati come l’anima di tutto il movimento ecumenico, e merita il nome di ‘ecumenismo spirituale.’ In alcune circostanze particolari, come ad esempio  le preghiere prescritte per l’unità ‘, e durante incontri ecumenici, è ammissibile, auspicabile che i cattolici si associno nella preghiera con i fratelli separati. Queste preghiere in comune sono senza dubbio un mezzo efficace per ottenere la grazia dell’unità, e sono una vera espressione dei legami che legano ancora i cattolici ai loro fratelli separati. “Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro”.

“Prima di tutto  tutti i cristiani confessano la loro fede in Dio uno e trino, uno e tre nel Figlio di Dio incarnato, nostro Redentore e Signore. Ciascuno,  con rispetto reciproco, rende testimonianza alla nostra comune speranza. In questi giorni in cui la cooperazione in materia sociale è così diffusa, tutti gli uomini senza eccezione sono chiamati a lavorare insieme, con molta più ragione tutti coloro che credono in Dio, ma soprattutto, tutti i cristiani, nel senso che portano il nome di Cristo. La cooperazione tra i cristiani esprime vivamente il rapporto che di fatto già li unisce, e pone più in pienezza il volto di Cristo servo. Questa cooperazione, che è già iniziata in molti paesi, dovrebbe essere sviluppata sempre di più, in particolare nelle regioni in cui l’evoluzione sociale e tecnica si svolge sia in una giusta valutazione della dignità della persona umana, la creazione della pace, l’applicazione dei principi evangelici alla vita sociale, il progresso delle arti e delle scienze, in uno spirito veramente cristiano, o anche l’uso di vari rimedi per alleviare le sofferenze del nostro tempo, quali la fame e le calamità naturali, l’analfabetismo e la povertà, carenza di alloggi e l’ineguale distribuzione della ricchezza. Tutti i credenti in Cristo possono, attraverso questa collaborazione, essere portati ad acquisire una migliore conoscenza e l’apprezzamento dell’ altro, e così spianare la strada per l’unità dei cristiani “. (Vaticanum II, Dal decreto sull’ecumenismo, Capitolo I, 4, capitolo II , 5, 7, 8, 9, 12).

 

III. Un forum di dialogo per la revisione del diritto canonico romano (CIC) e dei canoni degli altri riti cattolici.

In nome di milioni di cattolici in tutto il mondo, comprese le centinaia di sacerdoti che continuano a lasciare la Chiesa romana, perché porzioni del Codex Iuris Canonici (CIC) sono diventate un onere inutile, piuttosto che un sostegno per la loro fede viva, in nome dell’unità con i nostri fratelli e sorelle di tutti i riti cattolici che sono ancora separati gli uni dagli altri, siamo mossi dallo Spirito Santo, per invitare tutti i riti cattolici a partecipare allo stesso modo, per presentare e discutere le questioni di riforma che richiedono una revisione del CIC della Chiesa romana e i canoni di altri riti cattolici in un forum di dialogo.

Riconosciamo il vantaggio del diritto canonico, sostenendo, che fa la cura pastorale del popolo di Dio, fornendo le linee guida per la struttura di tutta la Chiesa, Corpo mistico di Cristo nel mondo. In passato, il CIC ha subito riforme perché la necessità di riforme in un mondo che cambia è stata riconosciuta: “etiam un praesertim de reformatione normarum novo mentis habitui novisque necessitatibus accommodanda …” (CIC 1983 Praefatio XXXVIII).

Ora, come parte del popolo di Dio che ci trovano in tutto il mondo in cerca di riforme, affermiamo la necessità di ulteriori modifiche nel diritto canonico. Sosteniamo che bisognerebbe istituire un Forum di dialogo, che aprirebbe la strada alla revisione del  diritto canonico, in modo che possa adeguatamente ospitare le nuove condizioni in cui tutta la Chiesa cattolica vive ora. Come Diritto Canonico si riconosce, “… praesertim autem urgens novae recognitionis necessitas in luce ponitur, ut Ecclesiae disciplina mutatis rerum condicionibus Apte accommodetur”

(CIC 1983, Praefatio XXXVIII).

 

Alla luce della chiamata in tutto il mondo per la varietà del grande numero di cattolici che centrano  la loro vita attraverso il rinnovamento spirituale e che hanno desiderio di unità con gli altri riti cattolici, crediamo sia necessario abolire quei canoni del CIC che creano ostacoli alle riforme necessarie * e di riarticolare alcune disposizioni del diritto canonico in modo che possano meglio servire la fede-vita quotidiana dei cristiani in questo mondo sempre più secolarizzato.

La Commissione nominata dal Vaticano per la revisione del CIC (dal Vaticanum II al 1983, quando la nuova edizione è stata pubblicata) ha dimostrato grandi risultati. Questa revisione del  Codex stabilisce che le leggi Canoniche non sono estranee alla carità e agli aspetti umani della vita, perché sono intrise di spirito cristiano. Consapevoli delle nuove condizioni del mondo che cambia, ci rendiamo conto che è giunto il momento per la Chiesa cattolica romana di riaffermare la sua volontà di usare la ricchezza delle sue risorse per rivedere il CIC in caso di necessità, “… insuper, cum sit a caritate, aequitate , humanitate non alienum, atque vero Christiano spiritu plene perfusum … simulque eius condicionibus ac necessitatibus in mundo huius temporis consulere exoptat … ac deinceps nova recognitione indigebunt, tanta Virium ubertate Ecclesia Pollet ut, Haud secus ac praeteritis saeculis, valeat viam renovandi leges vitae suae rursus capessere … “(CIC 1983, Praefatio LXIII). Ma invece di basarsi solo sulle proprie risorse per la riforma del Codice,  deve anche sfruttare le risorse delle chiese sorelle di riti cattolici, considerandole sotto la guida dello Spirito Santo, il quale opera tutte le cose per bene.

* Vedere le questioni di riforma delineate al n. II. 3 del Manifesto della Chiesa cattolica ecumenica di Cristo.

La Chiesa cattolica ecumenica di Cristo prega per un dialogo proficuo tra tutti i leader delle chiese cattoliche e i loro rappresentanti laici per discussioni informate e per la contemplazione orante delle questioni di fede, quelle che influenzano la vita quotidiana dei cattolici in tutto il mondo, in grado di supportare solo l’obiettivo di questo dialogo , l’unità cattolica e la solidarietà. Abbiamo bisogno di ripensare alcune delle nostre teologie, affinchè si rendano adeguate per la mentalità più consapevole dei cristiani post-moderni.

Che Dio benedica tutti gli sforzi della Chiesa cattolica ecumenica di Cristo e tutto il popolo santo  di Dio che sinceramente cerca l’unità, la guarigione, e le riforme, sotto la guida dello Spirito Santo.

 

Linee guida generali per la gerarchia della ECCC

 

Il Collegio dei Vescovi, tenutosi in Costa Rica, 4 giugno 2006.

 

 Adattato e ulteriormente rivisto al Sinodo speciale in Canada, 27 ottobre, A. D. del 2007.

 

   Come indicato nel nostro Manifesto,

“La Chiesa cattolica ecumenica di Cristo è  membro della Chiesa una, santa cattolica e apostolica, il Corpo mistico di Cristo. La Chiesa cattolica  ecumenica di Cristo è parte di un movimento mondiale di milioni di cattolici membri di diversi riti cattolici che, attraverso la preghiera e il dialogo è alla ricerca di unità con tutte le Chiese cattoliche e cristiane, le riforme all’interno del rito cattolico e gli altri riti cattolici. “(Introduzione, Manifesto)

Seguiamo il diritto canonico (CIC), compresi i canoni di altri riti cattolici, ad eccezione di quei canoni che hanno bisogno di riforme. La nostra Chiesa è cattolica e apostolica, strutturata gerarchicamente, aderendo agli insegnamenti dei concili della Chiesa. I seguenti articoli sono vincolanti in quanto sono stati approvati dal Collegio dei Vescovi.

 

  Articolo I.

     Elezione del Primate Ecumenico

 

Il Primate ecumenico è il più alto rappresentante della Chiesa cattolica ecumenica di Cristo. La sua formazione comprende un dottorato in Teologia, in determinate circostanze, il baccellerato è sufficiente. Egli deve avere sufficiente esperienza nella pastorale.

 

Articolo II.

Il Primate ecumenico è eletto da una maggioranza di 2/3 del collegio dei vescovi, clero e laici rappresentanti ed esercita  il suo Ufficio per tutta la vita.

 

Articolo III.

Il Primate ecumenico costruirà in tutto il mondo nuove diocesi, e province della chiesa. Egli sarà coinvolto in incontri ecumenici con altri riti cattolici, e chiese cristiane nei cinque continenti.

 

Articolo IV.

Il Primate ecumenico guiderà la Chiesa. Periodicamente, darà istruzioni pastorali per il bene spirituale e morale del popolo della Chiesa, il suo clero e gli ordini religiosi.

 

Articolo V.

Il Primate ecumenico formerà un comitato consultivo dei vescovi e del clero, al fine di assisterlo. Per tutte le decisioni riguardanti le principali questioni della Chiesa, egli cercherà sempre il consenso del collegio dei vescovi.

 

Il Collegio e Sinodo dei Vescovi

 

Articolo VI.

Il Primate Ecumenico convocherà (tempo permettendo) ogni tre gli anni, il Santo Sinodo della Chiesa composta da tutti i vescovi e rappresentanti dei laici al fine di esaminare le questioni della Chiesa. Il Primate ecumenico presiede il Sinodo. In caso di malattia, il Sinodo eleggerà un Presidente temporaneo (con un voto a maggioranza dei 2/3) che riferirà al Primate ecumenico. Siamo consapevoli che la Chiesa ha elementi democratici Eppure non è una democrazia in senso politico (insegnamento dei Concili della Chiesa).

 

         relazioni ecumeniche

 

      Articolo VII.

Il Primate ecumenico promuoverà rapporti ecumenici con le altre chiese, e quando necessario nomina un delegato ufficiale dal  clero o tra i laici come rappresentante ad eventi in cui la nostra Chiesa è invitata a partecipare.

 

Articolo VIII.

Il Primate ecumenico, di concerto con i suoi consiglieri prepara con i suoi vescovi Concordati di piena unione con altri riti cattolici che possono dimostrare vera successione apostolica cattolica. Anche per condividere l’Evangelizzazione e il miglioramento sociale con le nostre sorelle e i fratelli di altre chiese cristiane.

 

 Articolo IX.

Ribadiamo ancora una volta il nostro impegno al nostro appello della Chiesa per l’Ecumenismo, nella comprensione della Caritas, perché “Ubi Caritas et Amor Deus ibi est.” Dove c’è carità e amore c’è Dio. “(1 Cor. 13, 1-8)

 

 Articolo X.

Rifiutiamo ogni atto di fanatismo, perché non è cristiano, e non ispirato dallo Spirito Santo.

 

 Articolo XI.

Il Primate Ecumenico incoraggia tra i suoi vescovi corsi per l’ecumenismo e ad invitare “esperti”. Ogni vescovo deve avere nella sua diocesi un delegato per le questioni ecumeniche.

 

Giurisdizione

 

 Articolo XII.

La giurisdizione della Chiesa Cattolica ecumenica di Cristo è presente in vari paesi del mondo secondo il vecchio Diritto Canonico (CIC),  essendo all’interno del sistema giuridico di ogni governo, la nostra Chiesa deve essere riconosciuta.

 

  Articolo XIII.

                  Diocesi e l’elezione dei vescovi

Ogni diocesi è organizzata secondo il diritto canonico, nel contesto della nostra Chiesa e nello Spirito del nostro “Manifesto”.

 

    Articolo XIV.

Ogni diocesi terrà di volta in volta un Sinodo locale composto da sacerdoti, religiosi e laici rappresentanti di ogni missione, per rinnovare o approvare un piano pastorale esistente per la diocesi. Il vescovo locale presiederà il Sinodo locale.

 

Criteri di condotta criminale del clero e del personale

Per quanto riguarda la responsabilità, ogni membro del clero o i laici devono vivere secondo la morale del  Codice della Chiesa, data a noi attraverso la Sacra Scrittura e i Concili della Chiesa. È quindi essenziale che un candidato ammesso agli ordini sacri, dimostri  fin dall’inizio un carattere morale sincero e consono. Ogni candidato per l’incardinazione o che richiede il Sacro Ordine, deve essere ammesso dall’ufficio accademico e formazione, deve quindi essere sottoposto a test psicologici. Anche un controllo dei precedenti penali per ciascun candidato deve essere effettuato da un ente indipendente. Nel processo di formazione, il direttore spirituale, e il decano accademico devono prestare particolare attenzione allo sviluppo spirituale di un candidato per dare il tempo per un vero discernimento della  vocazione al ministero per il popolo santo di Dio. Ciò include che i candidati abbiano una comprensione matura e sana della propria sessualità, per vedere se servono meglio nel loro ministero come clero sposato, o rimanere celibi. Le accuse di cattiva condotta da parte qualsiasi membro del clero o dei laici dello staff saranno segnalate alle autorità legali locali per ulteriori indagini. Tutte le accuse devono essere segnalate al vescovo locale. Le chiese diocesane e locali assisteranno la vittima quando possibile. Il membro del personale del clero o laici, che è stato accusato di abusi sessuali nei confronti di un adulto o minore sarà rimosso immediatamente dal ministero attivo o la posizione della chiesa in attesa dei risultati delle indagini. Ogni persona ha il diritto di difesa fino a prova contraria. In caso di condanna e  trovato colpevole di un crimine, la chiesa rimuoverà la persona dal ministero attivo e da tutte le facoltà, o da tutte le posizioni ricoperte dai laici. Il processo legale locale prenderà il suo corso e, in caso di condanna, la Chiesa assisterà la persona spiritualmente, e una terapia appropriata deve essere intrapresa da parte del trasgressore.

    

Per il Consiglio dei vescovi

++ Karl R. Rodig, D. Min., DD., M. Th.

Primate ecumenico

+ Ermogene R. Rizo, DD., M. Th.

Segretario del Collegio dei Vescovi

+ Ted Laurah, DD.

Coadiutore

Vescovo per Pennsylvania

In presenza di Vescovi, sacerdoti, diaconi, religiosi e rappresentanti laici.

 

Norme e regolamenti

 

Contenuto

 

Prima parte …………………………………………………………………………………………………………….. 3

NORME REGOLAMENTARI PER le relazioni ecumeniche …………………………….. 3

NORME GENERALI DI relazioni ecumeniche E ALTRO ……………….. 4

concordati e accordi analoghi …………………….. 5

IN CASO DI MANCANZA DI RISPETTO alla piena unione, Concordati E ACCORDI e mezzi per prevenire la LORO ROTTURA………………………………………………………………………………………………………. 6

LIVELLI teologico o ecumenico. ………………………………………….. ……… 6

LIVELLO spirituale o ecumenismo spirituale ……………………………………… …… 6

SOCIALE livello ecumenico ……………………………………….. ……………………………… 7

CONCLUSIONE ………………………………………………………………………………………………… 7

 

SECONDA PARTE

Norme per la gli affari amministrativi e pastorali ………………… 8

Articolo I.

Quanto riguarda l’amministrazione ……………………………………….. …………….. 9

Articolo II.

IL FONDAMENTO DELLA COMUNITÀ E LA INCARDINAZIONE

DEI CHIERICI IN ZONE DOVE LA PRESENZA DELla

CHIESA CATTOLICA ECUMENICA DI CRISTO NON ESISTE. ………………………………….. 10

Articolo III.

LA RICEZIONE E LA FONDAZIONE DI ISTITUTI RELIGIOSI, ORDINI,

SOCIETÀ DI VITA APOSTOLICA E ALTRE FORME DI vita CONSACRATA

in quei luoghi dove la presenza di CHIESA CATTOLICA Ecumenica DI CRISTO NON ESISTE

Norma generale: ……………………………………….. ………………………………………….. . 11

Documento di rinvio: ………………………………………. ………………………………………… 12

In materia di lavoro PASTORALE ……………………………………….. …………………….. 13

 

Indicazioni CANONICHe

Relative a tutti gli affari della Chiesa

 

Prima parte

 

NORME REGOLAMENTARI PER relazioni ecumeniche

 

I termini della Unione completa, accordo e Concordato,  dovrebbero in sé condurci

Verso l’ordine e la chiarezza normativa nelle nostre chiese in cerca, come parte del loro processo di sviluppo e di crescita senza che ciò comporti l’imposizione o riduzione della libertà. Questi

tre concetti dovrebbero essere il risultato di una profonda convinzione collettiva in quanto il

concetto stesso di chiesa stessa necessariamente un’organizzazione umana guidata da un individuo o gruppo di individui.

Si tratta di una sensazione evidente e gioiosa il rendersi conto che la nostra chiesa è in un processo di crescita e, quindi, richiede una costante attenzione su alcuni dettagli, così come uno sforzo continuo da parte nostra per quanto riguarda l’ordine e le norme, in modo che ci sia un sostegno sufficiente per un controllo sano dall’Ufficio dell’  Arcivescovo Primate.

Pertanto, vogliamo la presente per esprimere con chiarezza che l’unico obiettivo di questa dichiarazione è che non adesso, e non sarà mai, il sostituire o imporre nuove norme umane alla nostra tradizione, alla nostra dottrina né al mondo, oltre a fare ordine in tutto questo in base ai tempi che stiamo vivendo. E ‘proprio a causa della crescita che stiamo vivendo in tutto il mondo di che noi siamo chiamati a confrontarci con la necessità di organizzarci in modo coerente per un rispetto reciproco per la diversità della divina creazione.

Obiettivo da realizzare, all’interno del nostro corpo ecclesiale, è di un tale ordine che, sulla base

l’amore, il rispetto reciproco e la carità verso l’altro, potremmo essere portati verso una organica

la crescita con tutti quei fratelli e sorelle sia laici che chierici  che desiderano aderire con

noi e quindi implementare la nostra unione.

Uno strumento come questo aspira a mantenere l’ordine corretto all’interno della nostra Chiesa,

assicurando ai laici il tipo di persone o chiese che, una volta uniti, diventerà la loro

leadership, rendendo possibile per la gerarchia di portare in fruizione il benessere di coloro che costituiscono la Chiesa, oltre a rendere possibile per loro di proteggere la dottrina e la fiducia sotto la loro cura.

Il Collegio dei Vescovi ha ritenuto necessario implementare gli strumenti che forniranno

Alla Chiesa cattolica ecumenica di Cristo (ECCC) un’ organizzazione adeguata e

Strutturata  proporzionata ai tempi che stiamo vivendo oggi.

Lo strumento canonico da utilizzare come guida nelle diverse esigenze della ECCC è il

“Judicatory Canonico e per tutto quello che riguarda gli affari della Chiesa”. I suoi membri sono nominati dall’Arcivescovo Primate, costituito da membri del Collegio dei Vescovi e da

altri membro del clero, presbiteri o diaconi, che, sulla base dei propri meriti, sono

invitati a far parte di tale entità.  Le loro riunioni possono essere a porte chiuse qualora lo ritenga

necessario il Primate arcivescovo per la salute della Chiesa. questi appuntamenti avranno luogo automaticamente ogni volta che un membro cospira contro l’unità della Chiesa cattolica ecumenica di Cristo mediante la sua posizione gerarchica nei confronti degli obiettivi per cui è stato chiamato a servire, o a causa di atti gravi contro la Chiesa e i suoi membri.

I membri del  judicatory canonico possono fare proposte al Primate Arcivescovo e raccomandare i nomi di quei candidati che potrebbero essere adatti a servire in tale istituto.

 

NORME GENERALI DI relazioni ecumeniche E ALTRO

 

  1. Queste norme generali del judicatory canonico  per gli Affari della ECCC devono essere

applicate a tutte le Chiese, comunità religiose e al clero che desidera essere  incardinato completamente da noi. Per quelle chiese che lo fanno su base parziale, queste da norme dipenderanno gli accordi fatti da entrambe le parti.

  1. Sulla base del rispetto reciproco, la carità e l’amore fraterno, queste norme non determineranno modifiche ai Riti che devono essere osservati per quanto riguarda le particolari pratiche liturgiche di quelle chiese che cercano unione con la ECCC, purché le loro norme non alterino la base dei principi di buone tradizioni di fede.
  2. Per La Chiesa Cattolica Ecumenica di Cristo il Manifesto è il documento fondamentale

Su cui ogni accordo o  rapporto ecumenico si basa, in quanto esso stabilisce chiaramente i limiti in cui possiamo fare accordi senza compromettere la sua essenza e il suo spirito.

  1. Il judicatory Canonico per tutto il mondo degli affari della Chiesa sarà quello in carica di

fare ricerca, scambi epistolari, elaborazione di documenti e altre funzioni relative a questo tipo di processi, in modo da presentarli per l’ approvazione, rifiuto o la correzione dei processi ecumenici e amministrativi per l’Ufficio del Primate Ecumenico nella sede Arcivescovile, una volta che è stata richiesta la sua assistenza.

  1. La comunicazione tra il  judicatory canonico per tutto il mondo degli affari della Chiesa

e della sede dell’Arcivescovo Primate deve essere trasparente in modo tale che il Primate ecumenico possa essere tenuto aggiornato in ogni momento per quanto riguarda ognuno di questi processi, aperti a suggerimenti su entrambi i lati.

  1. L’ Arcivescovo Primate ecumenico sarà l’ incaricato che rende gli annunci in tutto il mondo di ogni processo una volta che è stato approvato.
  2. prove scritte negli archivi saranno depositati di ogni processo che avviene, se

è stato approvato o respinto. Sia data chiara evidenza immediata dei motivi per cui l’Accordo richiesto non ha avuto luogo, ciò deve essere specificato al fine di proteggere la ECCC

da modi impropri di pensare che potrebbero essere scomodi per un sano sviluppo  ecclesiastico

secondo i nostri tempi, soprattutto se questi sono contro il Manifesto e la sana dottrina.

  1. Queste norme non influenzeranno le direttive locali nei territori che aderiscono all’ECCC,

poiché nella maggior parte dei casi, essi sono creati secondo la cultura, leggi civili, particolari esigenze in questi territori, nonché secondo le idiosincrasie di ogni paese. Come ad esempio al modo di vedere  dei cittadini nativi le lettere pastorali e altri atti pastorali specifici.

  1. L’ arcivescovo primate  sarà incaricato di determinare quali territori saranno sotto la supervisione del judicatory canonico per tutto il mondo degli affari della Chiesa,

per quanto riguarda i rapporti ecumenici, e che saranno applicate le norme in tutto il mondo al fine di osservare lo stesso processo uniformemente e sia organizzato per tutti.

  1. Quelle chiese che si approcciano e  ci richiedono qualsiasi tipo di concordato reciproco o totale Unione dovranno soddisfare i seguenti requisiti:

Fornire il nome della Chiesa

Nazione

Successione Apostolica

Giuridico

Nome dell’Arcivescovo/vescovo presidente

Nomi dei vescovi o ausiliari

Numero di missioni e comunità di fede

Ordini religiosi, istituti, comunità di vita consacrata

Altro ( comunità di vergini, vedove, gruppi religiosi)

Associazioni di vita apostolica

Profili evangelici

Progetti pastorali sociali

Regioni ecclesiastiche territoriali

Numero dei vicari generali

Vicari episcopali ( specificare il numero dei presbiteri e coloro con ordini episcopali)

Rituali accettati per le celebrazioni eucaristiche: Vaticano II (Novus Ordo), tridentino

Messali, Book of Common Prayer se provenienti dalla tradizione anglicana, Messa di San Giovanni

Chrysostomos, la Messa Vetero cattolica.

Spiegazione della posizione per quanto riguarda i sette sacramenti

Procedura applicata alla elezione dei Vescovi

Requisiti per l’ordinazione di diaconi, presbiteri (livello accademico)

Rituale usato per gli ordini dei Diaconi, Presbiteri e Vescovi

forma territoriale di governo (canoni e altre normative locali).

L’ECCC ha raggiunto un consenso in tutto il mondo ad accettare l’ordinazione delle donne al sacerdozio o Episcopato ritenendo questo un segno dello Spirito Santo.

 

Unioni IN PIENEzza, concordati e accordi analoghi

  1. Nel caso di un’unione completa, è evidente che l’accettazione del Manifesto

Della ECCC ha avuto luogo senza compromettere l’autonomia delle Diocesi delle nuove chiese riguardanti i loro modi individuali di governo fino a quando la loro amministrazione e modi di agire non danneggiano l’intera Chiesa né contraddicono il Manifesto.

  1. In caso di piena unione con chiese presiedute dal loro arcivescovo o vescovo nella sua

la funzione, le giurisdizioni e i territori ecclesiastici saranno aree di discussione tra

Costui  e l’Arcivescovo Primate Ecumenico della ECCC al fine di raggiungere un reciproco

accordo (vedi giurisprudenza per quanto riguarda gli ex concordati di piena unione, Filippine,

Canada). Il judicatory Canonico per gli Affari della Chiesa, in questi casi, assiste, fa

suggerimenti, o raccomanda all’Arcivescovo Primate  Ecumenico al fine di contribuire

verso la decisione finale.

  1. La completa unione implica la copertura del nuovo membro sotto il nome della ECCC,

che non si applica a quelle chiese che richiedono solo un concordato di riconoscimento dei sacramenti. Dio, nel suo amore infinito, vuole per noi, esseri umani, di capire la sua

chiamata ad essere una famiglia, in modo da essere in grado di fornire la testimonianza che l’unità è possibile nella diversità.

  1. Al fine di ottenere una piena attuazione di questi accordi ci sono diversi aspetti importanti che devono essere presi in considerazione dalla chiesa che chiede di diventare  membro della ECCC, in modo tale che si possa promuovere una comunione di fede tra i riti cattolici, come indicato nel Manifesto. Questi sono alcuni degli aspetti fondamentali:

14.1 possedere  successione apostolica valida

14.2 condividere la stessa teologia sui Sacramenti

14.3 mantenere la dottrina come era in  origine

14.4 avere una chiara concezione della collegialità del  Vescovo e la sua importanza.

 

IN CASO DI MANCANZA DI RISPETTO piena unione,

Concordati E ACCORDI e modi di impedire la loro ROTTURA

  1. La mancanza di rispetto da parte di una o di entrambe le parti che hanno firmato gli accordi

implica la nullità o cessazione di tali accordi, non senza aver prima tentato di stabilire un dialogo fraterno tra le parti al fine di risolvere i loro problemi. Nel caso in cui non si è in grado di arrivare a un esito positivo o di elementi di prova provata di grave colpa le parti saranno sollevate dal loro reciproco compromesso. Questo dovrebbe essere comunicato immediatamente alla Chiesa in tutto il mondo.

  1. È di fondamentale importanza che si stabilisca un dialogo ecumenico, non solo a livello gerarchico ma anche a livello di base, poiché sono quelli che soffrono di più quando si verificano divisioni.
  2. Al fine di evitare tali rotture è indispensabile che ogni chiesa identifica la sua  storia, le sue dottrine in modo che sia chiaro chi è il suo partner; i confini entro cui i rapporti hanno  luogo ma, sopra tutto, è importante avere il rispetto per l’altra persona e la sua forma di fede. Questo permetterà un vero e proprio dialogo tra credenti all’interno dell’esperienza dei rispettivi stili di vita insieme.
  3. È importante che entrambe le chiese, quella candidata all’adesione nonché la ECCC, come chiesa di accoglienza, abbiano  una chiara visione dei seguenti aspetti:

 

LIVELLI teologico  o ecumenico.

 

Si tratta di un dialogo teologico pastorale condotto nel modo che si è esperito tra le grandi chiese storiche. Questa reciproca comprensione copre il livello gerarchico nonché il livello dei laici, per

preservare la condivisione reciproca all’interno della loro diversità, basata sulla conoscenza e il rispetto reciproco.

 

LIVELLO spirituale o ecumenismo spirituale.

 

Questa è l’anima della finestra di dialogo ecumenico e si basa sulla preghiera comune per tutti i cristiani e le altre denominazioni che cercano di risolvere i problemi della divisione che colpiscono tutte le persone.

Un altro livello è la lettura e lo studio reciproco della Sacra Scrittura, la fonte stessa della nostra

identità e il motore che muove il nostro approccio comune.

 

Livello ecumenico sociale.

 

Questo è in riferimento agli sforzi attuati con i malati terminali, ricoveri per i senza tetto, Centri e Servizi per immigrati, scuole professionali e di riabilitazione per i giovani a rischio, ecc. I servizi sociali sono un’opportunità per l’interazione cristiana di entrambe le chiese, che creano unità attraverso la comprensione reciproca.

  1. Al fine di evitare fratture future, prima di proseguire ulteriormente, tutti

livelli di ecumenismo devono essere analizzati con la chiesa, ai sensi dell’articolo 18,

e, nel caso in cui al momento attuale l’unione non può essere raggiunta, dovrebbe essere

immediatamente resa nota non appena le informazioni di cui all’articolo 10 vengono ricevute.

 

CONCLUSIONE

 

Le relazioni ecumeniche, in senso lato, devono essere trattate con molta attenzione all’interno del contesto di carità, di rispetto e chiarezza al fine di aprire le possibilità verso accordi.

Dobbiamo essere molto chiari, come abbiamo detto prima, un dialogo ecumenico non implica

la negazione della nostra identità come Chiesa riguardo differenze dottrinali con  altre

Chiese. Al contrario, dobbiamo basare questa finestra su ciò che abbiamo in comune.

La condizione di base per ottenere un tiro efficace in un dialogo ecumenico è la convinzione che ci può portare a un cambiamento di mentalità, uscire da vecchi schemi di pensieri e quindi dimostrare che noi, come cristiani, possiamo costruire un segno di vera unità e aprire ad altri cristiani di altre chiese, mettendo il fanatismo religioso da parte perchè esso porta a odio e alla divisione all’interno di una società già vittima di un assolutismo ecclesiastico condotto  dalle grandi chiese.

Relazioni ecumeniche attive e contemplative ben condotte  con i nostri fratelli e sorelle in Cristo ci faranno brillare insieme, come una famiglia, come una luce dall’alto, come  testimonianza all’interno di una società tanto divisa, opponendo l’amore di Dio per i nostri tempi.

 

SECONDA PARTE

NORME PER affari amministrativi e pastorali

 

Tenendo presente che i vescovi per divina istituzione sono chiamati ad essere Pastori della

Chiesa sotto la guida dello Spirito Santo, in modo tale che, esercitando il loro ufficio (aspetto ontologico), essendo maestri e protettori della sana dottrina, e adempiendo il sacerdozio degli Ordini sacri (Matteo 4: 23-24), esercitando il loro ministero e contribuendo in tal modo al governo della Chiesa nel mondo (Aspetto amministrativo).

In virtù della loro consacrazione episcopale (il culmine del sacramento dell’Ordine Sacerdotale) sono uniti al Collegio episcopale, e quindi hanno la responsabilità di aiutare nella costruzione del Regno attraverso funzioni quali: pastorale, amministrazione, di governo, di insegnamento, e giudice, gerarchico (Matteo 10: 5-15), e di essere i proprietari delle proprietà della Chiesa.

Il collegio episcopale è costituito da coloro che sono completamente uniti a questo corpo con l’Arcivescovo Primate Ecumenico  come capo.

Quindi: è loro responsabilità avere norme comuni, e di elaborare quelle locali, norme che consentono le buone amministrazioni generali per mostrare buon governo della Diocesi, come pure dei fedeli che ne fanno parte. Di conseguenza, è necessario unificare i criteri a livello mondiale, in modo tale che vi sia solo una sola voce a testimoniare la collegialità, la maturità e la serietà della fede della Chiesa e dei suoi organismi.

Anche con l’esistenza di una chiesa mondiale nel suo carattere normativo che consente un uniforme struttura amministrativa generale, i vescovi nelle loro rispettive diocesi o singoli territori possono implementare norme locali che aiutano l’amministrazione del popolo di Dio sotto la loro cura, a patto che queste norme non siano in contrasto con le norme generali. (Vedere “Il Manifesto” una maggiore autonomia per le Diocesi).

Le norme generate dalla nostra Chiesa e adattate come segni del tempo, per la ECCC, devono essere pratiche, devono avere obiettivi raggiungibili, che aiuteranno il lavoro dei pastori nella loro cura verso i laici, e non dovrebbero mai diventare un carico pesante per la gente. Esse devono essere direttive e flessibili, favorevoli ad una leadership sana della Chiesa. Potremmo dire che l’amministrazione della Chiesa è il riordino di tutti i suoi beni, in modo tale che la Chiesa compia la sua missione. I Vescovi, responsabili della corretta amministrazione, non solo devono pensare all’aspetto economico, materiale e alle  attività umane, ma soprattutto ai beni spirituali, quando si generano le norme sia di carattere generale che locali. (1Cor.4, 1-2).

Anche quando in questo sforzo è sempre presente un desiderio sano e una buona volontà, i Vescovi,

durante la generazione di norme legislative, devono fare attenzione a non cadere in questi due pericoli mentre la creazione di cambiamenti amministrativi:

– Desiderio esagerato di essere tanto organizzati che non c’è spazio per lo Spirito Santo.

– Essere tanto  mistico da lasciare tutto alla volontà di Dio senza alcun piano precedente.

Il primo, oltre ad essere confusionale, crea una perdita di tempo e di risorse diventando meno efficace nello svolgimento della nostra missione come Chiesa. Si  cerchi un’amministrazione guidata

dallo Spirito Santo. Ogni chiesa è considerata dai diversi governi civili come entità di pubblico benessere senza interessi di profitto, il che implica che la Chiesa sia regolata secondo il proprio ordine amministrativo. Per questa ragione esiste il  giudicatorio canonico per tutti gli affari della ECCC e deve contenere in sé le funzioni di una Commissione per l’Amministrazione, in modo che possa aiutare l’Arcivescovo Primate nell’elaborazione di norme che aiuteranno nella gestione della ECCC in generale: Come per le Risorse umane (L’incardinazione del clero in quei territori dove la ECCC non esiste, la cultura, L’orientamento e l’estensione di differenti stili pastorali secondo il bisogno di ogni territorio dove non c’è ancora un Vescovo ).

Il giudicatorio canonico deve assistere e consigliare nella fondazione degli istituti religiose, società di vita apostolica, e altre forme di vita consacrata, in quelle aree in cui la presenza della ECCC ancora non esiste in una forma giuridica. Tra le sue responsabilità che comprendono anche lo sviluppo di laboratori e incontri di formazione per il clero e seminaristi, l’organizzazione di materiale didattico per essere in uso per le Chiese locali, e quelle funzioni che saranno delegate a questo reparto dal Primate arcivescovo. (Luca 9: 51-52) (Atti degli Apostoli 6: 1-7).

Luca 8: 1-3

Giovanni 4: 8

Luca 10: 1-2

Atti degli Apostoli 2: 44-46

Atti degli Apostoli 4: 36-37

Atti degli Apostoli 18: 1-3

1Cor.1: 28

2Cor.8: 18-22

Phil 4:10, 15, 16.

 

Articolo I

 

Amministrazione

 

Ribadiamo: L’ECCC è organizzata in modo tale che le norme dell’amministrazione generale e le Norme locali non si contraddicono a vicenda. Il Primate arcivescovo determinerà quelle opere che richiedono l’assistenza del giudicatorio Canonico per tutto il mondo degli affari della ECCC. Il giudicatorio canonico ha la facoltà in tal senso di assistere l’Arcivescovo Primate nella creazione di norme amministrative, di accettare le richieste di incardinazione clericale e la ricezione di ordini religiosi, le Società di vita apostolica e le altre forme consacrate di vita (monaci, eremiti, uomini e donne consacrati, vedove, e singoli voti religiosi) in quei territori in cui la presenza giuridica della ECCC non esiste ancora, o in quei territori dove non c’è Vescovo e neanche Diocesi organizzata (si deve capire che questo vale per quei vicari generali e Vicari episcopali sotto il Primate Arcivescovo. Essa non si applica ai Vicariati Episcopale sotto un ordinario diocesano). Deve anche aiutare il Primate Arcivescovo  nello studio di fattibilità concernenti l’apertura o meno di Missioni Ecclesiasticche, Comunità e altri aspetti per quanto riguarda l’amministrazione e il protocollo diplomatico.

Per quanto riguarda le singole diocesi, il giudicatotio canonico per la ECCC in tutto il mondo  serve come mediatore o entità supervisione tra questi nuovi territori e la sede dell’Arcivescovo Primate, se necessario.

 

Articolo II.

 

IL FONDAMENTO DELLA COMUNITÀ E LA INCARDINAZIONE

DEI CHIERICI IN ZONE DOVE LA PRESENZA DELLA

CHIESA CATTOLICA DI CRISTO NON ESISTE.

 

  1. Per quanto riguarda la fondazione di  comunità missionarie in quei territori in cui la presenza della ECCC non esiste (è inteso come una zona di una nuova fondazionechiesa) devono essere applicate le norme esistenti relative alla selezione dei seminaristi

e / o l’incardinazione del clero già ordinato.

-prova sulla  Formazione

-Applicazione Per accedere alla ECCC

-Chiesa Di ordinazione (prova)

Test -Psicologico

foto -Recente

sacerdoti e diaconi,

-sposati, una lettera della moglie dando il suo consenso, il certificato di  matrimonio o documento di divorzio e le ragioni per la separazione; in caso di matrimonio civile una cerimonia di matrimonio religioso deve essere eseguita.

  1.  Diocesi di nuova fondazione o Vicariati seguendo le direttive del Manifesto, che dà loro maggiore autonomia sarà in grado di realizzare anche le loro norme, a seguito delle caratteristiche, esigenze e particolari idiosincrasie del paese o Stati in cui risiedono senza contraddire le norme generali fornite dal ECCC.
  2. Prima di fondare una chiesa in un nuovo territorio dovrebbe essere condotto uno studio di fattibilità e la possibilità di crescita in quel particolare territorio deve essere analizzata, nonche la

reale necessità per applicarla e i mezzi disponibili per la sua realizzazione, materiali, nonché aspetti umani.

  1. Se è stata approvata l’apertura in  un nuovo territorio, un sito sarà scelto dal collegio  clericale che sarà anche responsabile per il buon funzionamento della chiesa sul sito, e di provvedere al riconoscimento da parte dello, nel rispetto delle leggi locali, della chiesa come ente no profit.
  2. Dopo un periodo di tempo saggio e una volta che è evidente l’intenzione e l’autenticità dei responsabili e  per il bene della chiesa in quel territorio, alla fine un Vicario può essere nominato sotto la direzione della sede dell’Arcivescovo Primate.
  3. Non appena sembra pastoralmente fattibile nei territori,deve essere considerata la creazione di una diocesi secondo le linee guida del manifesto. La Chiesa cresce intorno alla persona del Vescovo in quanto il clero della diocesi riceve da lui le  facoltà. La crescita della Chiesa sempre da garanzia al popolo di Dio, che non si farà mai mancare l’ufficio di un vescovo.

 

Articolo III.

.

LA RICEZIONE E LA FONDAZIONE DI ISTITUTI RELIGIOSI, ORDINI, società di APOSTOLICA di vita e di altre forme di VITA CONSACRATA in quei luoghi dove la presenza delLA CHIESA CATTOLICA ECUMENICA DI CRISTO NON ESISTE.

 

Norma generale:

  1. Prima di consentire la fondazione o incorporazioni di istituti religiosi, Ordini religiosi,  Società di vita apostolica e altre forme di vita Consacrata, la necessità della loro accettazione deve essere analizzata in relazione alla ECCC o di un determinato territorio fuori della giurisdizione ECCC, e nel caso in cui provengono da altre Chiese e hanno chiesto di unirsi alla nostra giurisdizione, vadano considerate le  ragioni per cui si stanno staccando dalla loro chiesa originaria e deve essere chiarito prima di essere accettati.
  2. Ogni istituzione di vita  consacrata che non è stata creata dalla  Chiesa cattolica ecumenica di Cristo deve soddisfare i seguenti requisiti quando presentano l’applicazione per l’accettazione, l’integrazione o incorporazione nella ECCC:

-Nome Della Chiesa originale e l’anno di fondazione

-Il  suo stato  nella Chiesa originale (Pia Fondazione, di diritto diocesano, di Diritto autonomo: termine che sostituisce il termine romano di diritto pontificio).

-Nome Del Fondatore

-Progetto Di Vita (Apostolica) e il modo in cui ci si sostenta economicamente

-costituzioni O “Regulae”

-Membri (Anche il numero di novizi, postulanti, membri professi con voti temporanei o perpetui) Richiesta di un sacerdote come guida spirituale

-impegno Nel creare un ordinamento canonico per  garantire lo stato giuridico ed economico

-Istituti di vita Consacrata  verranno classificati in base al loro stato di vita attiva

-Instituti Di vita contemplativa, monasteri e chiostri.

 

  1. Antichi ordini di vita consacrata, come ad esempio:

-Eremita

eremi

– Vergini consacrate e vedove (come si possono associare tra di loro)

Queste figure religiose devono avere la stessa attenzione, diritti e doveri degli Istituti di vita consacrata, ordini e monasteri.

  1. Chi proviene da altre Chiese avrà un periodo di prova da 1 a 2 anni nella nostra Chiesa, al termine del quale il loro processo di adattamento sarà valutato reciprocamente per acquisire lo status permanente o la dissociazione dalla nostra Chiesa.
  2. I membri di altre Chiese che non hanno diritti autonomi nei territori in cui è presente la figura di un vicario, ma un Vescovo non esiste ancora, sarà sottoposto all’autorità dell’ Arcivescovo Primate fino al momento in cui un vescovo in quel territorio è nominato o eletto, in modo che saranno sotto la sua supervisione e il loro processo di approvazione è stato completato.
  3. Ogni Istituto religioso, che ha raggiunto lo status di diritto autonomo sarà sottoposto all’Arcivescovo Primate ma deve osservare le norme della Diocesi dove si trova e deve collaborare con il suo lavoro così come con il lavoro del suo Vescovo e il suo clero diocesano.
  4. Ogni Istituto religioso ha le sue regole e regolamenti con cui sono internamente governati. Inoltre, essi devono rispettare le norme generali che legano la Chiesa in tutto il mondo nonché quelli locali (su cui una  Diocesi è retta).
  5. Quanto sopra non si applica a quei territori con i vescovi già presenti dal momento che la maggiore autonomia è garantita da Il Manifesto; questi vescovi possono applicare le loro norme locali e regolamenti, purché siano coerenti con le norme generali della Chiesa. Ogni Chiesa deve sviluppare i propri archivi con i suoi processi  religiosi.
  6. Ogni processo di una fondazione religiosa o di incardinazione di istituti o forme di vita consacrata, sia quelli fatti dai Vescovi nei loro territori individuali oltre a quelle svolte dal giudicatorio canonico per gli Affari ECCC, deve essere introdotta con la documentazione completa e in tempo utile per la sua approvazione o il rifiuto al Primate Arcivescovo.
  7. Il Primate arcivescovo sarà quello in carica di annunciare in tutto il mondo l’approvazione degli Istituti religiosi o incardinazione o incorporazione di questi Istituti o Ordini di altre Chiese che hanno aderito all’Eccc.

 

Documento di rinvio:

Regolamento per la fondazione e lo sviluppo di istituti di vita religiosa e altre forme di vita consacrata nella ECCC:

Esempio della diocesi di Costa Rica e l’Arcidiocesi di Canada.

(Nel Documento per la fondazione e lo sviluppo degli istituti di vita  religiosa e altre forme di vita consacrata -ECCC Diocesi di Costa Rica- si possono trovare i processi, passo dopo passo, per la fondazione di esperienze religiose e come bisogna strutturarle come congregazioni. Vedi anche il nostro Terzo Ordine Francescano in tutto il mondo sotto la guida spirituale dell’arcivescovo del Canada.

 

In materia di lavoro PASTORALE

  1. La pastorale sociale deve essere promossa in diversi territori della ECCC. Questo lavoro deve essere in base alla realtà oggettiva di ciascun territorio. A titolo di esempio possiamo citare servizi nel contesto della pastorale sociale: Ministero per gli immigrati, Costituzione di Centri di formazione professionale, centri per la promozione umana,  agenzie di assistenza nutrizionale, Centri per le popolazioni a rischio (Centri per il trattamento della tossicodipendenza, sordi, ritardo mentale, coppie di fatto, malati terminali, gli orfani, ecc).
  2. Oltre alla Pastorale Sociale  altri tipi di lavoro pastorale devono essere promossi per lo sviluppo della fede e della Chiesa stessa. Esempi: La pastorale attraverso l’educazione  catechetica, lavoro familiare, evangelizzazione, Liturgia, ecc
  3. Il giudicatorio Canonico per gli Affari della ECCC servirà come guida per la consulenza in questo lavoro pastorale in quei territori dove la presenza della ECCC non esiste sotto forma di una Diocesi (compresi: i territori di recente costituzione, comunità missionarie dove è presente il Vicario Generale, sono direttamente sotto il Primate Arcivescovo fino al momento in cui diventano  Diocesi)